Da Karlovy Vary ad Ancona

liqueur Carlsbad

Come raccontavo qualche giorno fa, dopo diciannove anni passati in una dispensa a casa dei miei, è saltato fuori un liquore Made in Cecoslovacchia, si tratta del liquore Carlsbad. Un liquore che ha una storia curiosa alle spalle. Joseph Becher di Karlovy Vary era farmacista e aveva una grande passione per le erbe e gli infusi. Fondò la sua azienda nel 1807. Non mancano le spy-stories e le battaglie legali tra eredi e ricette segrete contese.

Becher carlsbad

Tutto era iniziato nel 1805, quando il Conte Pletenberg-Mietingen si recò a Karlovy Vary per curarsi in compagnia del Dr. Frobrig, suo medico personale. Soggiornarono a casa della famiglia Becher, “The Three Skylarks” in Tržní Street. Nella stessa casa, Josef Becher aveva la sua farmacia. Anche il Dr.Frobrig era appassionato di erbe e infusi e diventò amico di Josef. Alla sua partenza, probabilmente il medico lasciò all’amico una ricetta per preparare un digestivo. Nel 1807, Josef Becher, iniziò la sua attività vendendo bitter con il nome di Carlsbader English Bitter. Nel 1841 l’azienda passò al figlio Johann che iniziò una produzione su larga scala. Negli anni successivi, di generazione in generazione, la produzione restò in famiglia. Nel 2001 la Becher è stata privatizzata ed è diventata parte della Pernod Ricard, una delle principali multinazionali della produzione e distribuzione di vini e liquori.

museo Karlovy Varyhttp://www.becherovka.cz/en/museum.php

A Karlovy Vary si può visitare il Museo becherovka . Avete guardato il sito internet? Visto la sezione dei giochini? Chissà se approverebbe Joseph?

Il liquore Carlsbad lo avevo acquistato in occasione di un viaggio di lavoro. Luglio 1988, me lo ricordo ancora: partimmo in macchina in quattro. Destinazione Praga. Convegno Internazionale di Biochimica. Prima sosta a Tolmezzo. Poi di nuovo in viaggio oltre il confine austriaco. E dopo parecchie ore, finalmente Praga. L’anno successivo (17 Novembre 1989) a Praga avrebbe avuto inizio la Rivoluzione di Velluto che portò poi dopo quattro anni alla separazione della Cecoslovacchia in due nazioni indipendenti: – la Repubblica Ceca e la Slovacchia. Praga è diventata la capitale della Repubblica Ceca. Chi è tornato negli ultimi anni racconta dei suoi cambiamenti, è diventata una città più turistica. Io comunque ci tornerei molto volentieri. Me la ricordo come una città bellissima, il ponte sul fiume, la parte vecchia, il Castello, la piazza e la magia dell’orologio e del suo meccanismo.

Praga

orologio Praga

[coolplayer width=”480″ height=”380″ autoplay=”0″ loop=”0″ charset=”utf-8″ download=”1″ mediatype=””]http://www.youtube.com/watch?v=GCdz8U9w7P0[/coolplayer]

Di quel viaggio ricordo gli alloggi per studenti in cui dormivamo, alla periferia della città. La metro con cui ci spostavamo, la stazione Pavlova. Le aule affollate del congresso, è in quella occasione che ho deciso che i convegni internazionali non erano l’occasione più adatta per aggiornarsi in biochimica. Con piacere ricordo però i giri in centro e le serate a spasso tra i vari ristoranti. Comprammo altri souvenirs in quella occasione, non solo liquori. Sono affezionata per esempio a questa scatola di legno che conteneva le figure per giocare a scacchi. Made in URSS.

scacchi Made in URSS

E da qualche parte ho dei shot mug, magari ve ne parlerò quando li troverò.

Un pensiero riguardo “Da Karlovy Vary ad Ancona

Deja un comentario - Say someting kind! (must be approved and please let me know who are you)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...