La befana

Befana 1960

Me lo ricordo benissimo quel pomeriggio, 6 gennaio 1960, faceva freddo e mia madre non voleva che uscissi. Ma era il giorno della consegna dei pacchi della Befana aziendale, quelli che l’azienda municipalizzata del Gas, con un contributo dei dipendenti, destinava ai figli di operai e impiegati. Mi rivedo mentre mia madre mi imbacucca prima di uscire. Mio padre non aveva l’auto e sfidammo il freddo a bordo della sua lambretta 150 per arrivare dalle Tavernelle, dove abitavo, fino in centro. Alla fine della cerimonia, tornammo a casa con il tram a fili: il filobus come veniva chiamato.
L’ATMA, l’azienda trasporti, aveva inaugurato l’impianto filoviario nel marzo 1949 con l’istituzione di quattro linee che interessavano oltre al centro della città, anche le frazioni periferiche collinari di Pinocchio, Posatora e appunto Tavernelle. Parte delle linee sono state soppresse negli anni settanta.

Cosa stavo pensando in quel momento quando mi hanno scattato la foto? Di certo ero molto frastornata per trovarmi in un luogo mai visto prima. E non trovo immagine più adatta per questa giornata, che dovrebbe essere di festa e lo sarà per tanti. Nonostante il dolore e la voglia di silenzio e di pace che sembrano così irraggiungibili.

Guardar

Guardar

3 pensieri riguardo “La befana

Deja un comentario - Say someting kind! (must be approved and please let me know who are you)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...