Quando c'erano le figurine Liebig


liebig
Figurine

Chissà cosa penserebbero Justus von Liebig e Julius Maggi del successo del dado da brodo alla cui produzione contribuirono con il loro intuito.
Il chimico tedesco Justus von Liebig è considerato l’ideatore dell’estratto di carne. Justus dedicò la sua vita a diverse aree di ricerca sia in campo agronomico sia nella trasformazione e conservazione della carne. Alla fine dell’ottocento mise a punto il processo per ottenere l’estratto di carne finalizzato a migliorare l’apporto in proteine della popolazione malnutrita. La carne era un alimento costoso in Europa, mentre in Sud America esistevano grandissimi pascoli con numerosi allevamenti. Nel 1847, scrisse il libro “Sulla composizione della carne”, e propose di preparare in Sud America un concentrato della carne che fosse facilmente trasportabile e conservabile; si trattava di cuocere la carne del bovini, preparare un brodo concentrato e essiccarlo per essere venduto come “estratto”. Un ingegnere ferroviario inglese appoggiò la sua idea e costruì una fabbrica di estratto di carne, secondo la ricetta del prof. Liebig, a Fray Bentos, in Uruguay. L’estratto si vendeva in vasetti di vetro.

Qualche anno più tardi, nel 1880 lo svizzero Julius Maggi, mise a punto un altro tipo di concentrato, a base di cereali, grassi ed estratto di carne, da commercializzare in cubetti.

https://i2.wp.com/www.mondodelgusto.it/blog/wp-content/uploads/2007/02/liebig.jpg
In assenza di mezzi di comunicazione, per promuovere il prodotto decisamente nuovo, si pensò di abbinare all’acquisto di ogni confezione, un omaggio: una cromolitografia. Arrivarono poi le figurine da collezionare. L’idea venne al proprietario dei magazzini parigini “Au bon Marché” il signor Boucicaut che, mettendosi alla cassa, ogni giovedì regalava ai bambini una figurina così da invogliarli a tornare per nuovi acquisti e nuove figurine.
L’uso comune del dado da cucina si è affermato in Italia attorno agli anni venti del secolo scorso. Anche in Italia insieme ai dadi Liebig arrivarono così le figurine divenute in seguito oggetto da collezione. Fino alla prima guerra mondiale le figurine Liebig furono distribuite gratuitamente dai negozianti mentre in seguito si introdusse l’uso di offrirle in cambio di buoni punto contenuti nei prodotti. Da semplice passatempo la figurina divento’ così anche mezzo di comunicazione sociale e culturale. Le serie che si sono succedute negli anni hanno avuto temi molto diversi tra loro: sport, storia, ricette, zoologia, scienza. Le potete ammirare qui e qui.

https://i1.wp.com/www.asscotennis.it/wp-content/uploads/2009/12/1-Liebig.jpg

Fonti:
I dadi da brodo da Justu von Liebig alla Carlucci
Liebig Mania
Liebig

Deja un comentario - Say someting kind! (must be approved and please let me know who are you)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...